personal training

Trattamenti estetici per il corpo con elettrostimolazione

Trattamenti estetici per il corpo con elettrostimolazione L’elettrostimolazione non è solo per gli sportivi o per chi vuole scolpire il proprio corpo. Questa tecnica è in grado di produrre benefici anche in tantissimi altri modi: tonificando i muscoli, con un’azione defatigante e rilassante, drenando i liquidi in eccesso, accelerando il metabolismo e riducendo i depositi di grasso. Indicati quindi anche per chi vuole modellare il fisico (e non necessariamente aumentare la massa muscolare) e intervenire sulle aree critiche (come

Functional EMS Training

La combinazione tra allenamento funzionale ed elettrostimolazione total body sarà la nuova tendenza dei prossimi anni? Una delle novità degli ultimi anni nel mondo del fitness è il Functional Training, che, sportivamente parlando, novità non è in quanto il functional training, letteralmente “allenamento funzionale”, consiste nell’eseguire esercizi in grado di emulare i movimenti del corpo nell’ambiente, senza l’utilizzo di macchinari, bastano dei piccoli attrezzi per svolgere un’ottima seduta di allenamento. Lo scopo principale dell’allenamento funzionale è quello di allenare le

L’allenamento EMS total body aiuta i problemi posturali

L’allenamento EMS total body aiuta i problemi posturali La postura è l’adattamento di ogni individuo all’ambiente fisico che lo circonda, a quello psichico e a quello emozionale. Nell’uomo il completo sviluppo del sistema tonico posturale avviene intorno agli 11 anni di età mantenendosi stabile fino ai 65 anni circa. A garantire il corretto equilibrio di ogni persona contribuiscono molti fattori, meccanismi fisiologici e recettori sensoriali, tendini, muscoli e visceri. Ogni fattore che porta a una modifica dell’equilibrio avrà riflessi

SQUAT – III parte: movimenti di compensazione nello squat

SQUAT – III parte: movimenti di compensazione nello squat La tecnica di esecuzione di uno squat è necessaria per massimizzare il reclutamento muscolare e minimizzare il rischio di infortunio. Individui che non hanno buona mobilità articolare, stabilità articolare o controllo neuromuscolare spesso mostrano movimenti compensatori. Un movimento compensatore è la modalità con cui il corpo ricerca il percorso meno faticoso per eseguire un particolare pattern di movimento. Per esempio, se un soggetto esegue una distensione verticale delle braccia sopra

SQUAT – II parte: tecnica

SQUAT – II parte: tecnica Posizione di partenza 1 Stazione eretta con i piedi alla stessa larghezza delle spalle, le punte dei piedi che puntano leggermente all’esterno (massimo 5-8°), le ginocchia allineate sopra al secondo-terzo dito. (Il grado di abduzione del piede dipende dall’anatomia di ogni persona)2 Per eseguire lo squat con il bilanciere, appoggiare il bilanciere sulle spalle, sotto il collo, con l’impugnatura delle mani più ampia delle spalle, in base alla mobilità articolare delle spalle del soggetto. Istruzioni per