Buoni propositi dopo l’estate

Fine Estate
3
(2)

Iniziare la nuova stagione al meglio… facendo SPORT!

L’estate volge al termine, e, come ogni anno e come dopo ogni Natale e Capodanno, ci lascia ricchi di buoni proposti per una nuova “stagione” che inizia. Uno di questi, dopo gli sfizi e i vizi concessi durante le vacanze estive, è sicuramente: MI ISCRIVO IN PALESTRA.

Tante persone al rientro dalle vacanze affermano: da questo settembre si cambia vita, non voglio più farmi vedere in spiaggia con quella pancetta o con quella cellulite o con quei glutei molli.

Allora settembre diventa il mese della folla nelle palestre, quasi come ogni lunedì dell’anno, perché si sa, chi ben comincia è a metà dell’opera! Ma che fine fanno tutte quelle persone in Novembre, in Febbraio, Marzo, Aprile? Le vedi ricomparire magari a dicembre, in preparazione al Natale; a Gennaio, perché giustamente la preparazione di dicembre non porta ad evitare che i grandi pasti delle feste natalizie non facciano del male alla nostra figura; a maggio, perché fra due mesi si va al mare!

Così facendo, ci si è allenati nel migliore dei casi per 7 mesi. 7 mesi su 12 che compongono l’anno. Fisiologicamente il nostro corpo perde il livello di allenamento e i benefici portati da esso in circa 20-25 giorni. E, di certo, non si ottengono risultati a livello “estetico” andando in palestra 2 mesi sì e 2-3 mesi no.

E allora perché settembre dovrebbe darci la giusta carica per iniziare a fare attività in maniera continuativa?

Iniziare una qualsiasi attività fisica nel mese di settembre significa avere ben impresso in testa che questa finirà esattamente un anno dopo (per chi guarda solo al lato estetico). Ciò che si fa durante il periodo che va da settembre ad agosto dell’anno successivo si riflette inevitabilmente quando ci si toglie la maglietta in spiaggia.

Fisico Post Vacanze

Sia chiaro, l’attività cominciata in quel settembre non dovrebbe MAI finire, per motivi di salute e di mantenimento nel tempo. Avete mai visto un atleta arrivare alla gara e smettere di allenarsi nell’anno successivo? No. Ok, è un caso limite, molti di loro sono pagati e strapagati, quello è il loro lavoro.

Ma perché noi che li guardiamo con la bocca spalancata non dovremmo quanto meno imitarli anche in questo, oltre che nel look?

 

Confronto fisici

 

Ecco allora 10 motivi e consigli per iscriversi in palestra a settembre (e far sì che sia duraturo):

  1. Eliminiamo fin da subito le cattive abitudini apprese durante le vacanze estive, sostituendole con un’ora di attività fisica.
  2. Non deve essere fatta tutti i giorni solo perché ci si sente in colpa, questa è la più grande ragione di abbandono dei mesi successivi. GRADUALITA’ è la parola più utilizzata ma mai seguita alla lettera nelle palestre, nei centri fitness, nei parchi, etc. Iniziamo con due sedute di palestra nelle prime 2/3 settimane, per poi passare a 3/settimana e, più avanti, anche a 4.
  3. Un “trucco” sta nel trovare qualcosa che ci piaccia veramente e che sia adatto alla nostra corporatura. La cosa fondamentale è trovare un centro, una palestra o un gruppo che ci faccia sentire totalmente a nostro agio, che ci possa aiutare quando siamo in difficoltà e che soprattutto sia una delle ragioni perché, anche in novembre, io continuerò a frequentarlo e non mi prenderò pause, perché frequentare quel posto mi fa bene al corpo e allo spirito. In questo modo non sarà mai uno stress! Anzi…
  4. L’attività fisica è uno dei modi migliori per alleviare lo stress. In quel poco tempo che ho per allenarmi, mi dedico completamente a me stesso, mi concentro su quello che sto facendo. E così lavoro, problemi relazionali, delusioni, per quei minuti saranno dimenticati. Oltre al rilascio automatico di endorfine endogene, il che porta ad un miglioramento globale dell’umore.
  5. Cerchiamo un posto che possa fornirci una progressione annuale di allenamento, in modo da non poterci mai annoiare, nemmeno se lo vogliamo e che ci dia sempre nuove motivazioni per proseguire l’allenamento. Sempre nuovi obiettivi e risultati da raggiungere.
  6. L’attività fisica continua crea dipendenza, se ci alleniamo con costanza ci verrà sempre voglia di allenarci nuovamente, stando attenti a non esagerare. Esistono sindromi da sovrallenamento, derivanti da una dipendenza vera e propria dallo sport, nella maggior parte dei casi tratta di fitness. Se alterniamo diversi tipi di attività e rispettiamo i tempi del corpo per il recupero, non c’è rischio di non poterne uscire (anche se questo articolo è fatto per il contrario). Questa dipendenza è data dal rilascio di endorfine e dopamina, che creano uno stato di benessere globale, richiedendolo ancora, e ancora , e ancora.
  7. Andando in palestra/studio/parco possiamo prevenire tutti quei dolori dati dalle posture errate che andremo ad assumere di nuovo in ufficio, in negozio, in studio e così via.
  8. In molti, per far sì che venga loro sempre la voglia di frequentare le palestre, decidono di pagare l’abbonamento annuale a settembre, credendo che il pagamento grosso possa vincolare la propria voglia di fare. ERRATO, la voglia la creiamo solo noi stessi. Ogni volta che vorremmo mollare dovremmo sempre pensare al motivo per cui abbiamo iniziato una cosa, questo dovrebbe darci sempre nuove motivazioni. Cerchiamo di fare maggiore attenzione alla cura che riceviamo da chi ci allena, questo è il primo passo, poiché se mollo io, ci sarà probabilmente qualcuno che lo noterà e magari verrà a cercarmi. Qui dovremmo poi fare una distinzione tra quei centri che ci cercano come cliente numero 5300 o cliente MARIO ROSSI. In poche parole, che il centro voglia popolarsi di Mario Rossi e molti sorrisi o di 5300 Mario Rossi. Le sedute di prova ci servono per questo, per selezionare come vogliamo essere trattati.
  9. Il metabolismo delle persone che si allenano regolarmente rimane attivo nelle 48 ore successive alla seduta, detto ciò vuol dire che possiamo concederci qualche peccato di gola ogni tanto, senza dovercene pentire subito dopo. Poiché abbiamo la possibilità di bruciarlo in minor tempo.
  10. L’allenamento costante aiuta a dormire meglio, in quanto innesca un aumento della temperatura corporea interna, che nelle ore successive va pian piano a disperdersi, conciliando così il sonno e il riposo ristoratore. E sempre per il fatto che ci permette di svagarci, fa sì anche che i pensieri negativi, responsabili dell’insonnia, siano alleviati.

 

 

Quindi, sembra chiaro che da questo settembre si parte tutti a molla a fare sport.

E per chi ancora usasse la scusa del “non ho tempo”, i centri EMStreet a Milano permettono di fare attività fisica ad alta intensità in soli 20 minuti per massimo 2 volte a settimana, con programmi di allenamento studiati per il rientro dalle vacanze!

 

WORK HARD, PLAY HARD

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votarlo

Votanti 2 - Media Voti 3

Condividi:

Commenta l'articolo:

  Iscriviti per ricevere le notifiche  
Notificami