Sostitutivi vegani dei latticini cosa sono

Sostitutivi vegani dei latticini: cosa sono

Chi sceglie una dieta vegana decide di non inserire nella propria alimentazione quotidiana alcun prodotto di derivazione animale. Non solo quindi carne e pesce, ma anche uova, miele e naturalmente il latte e tutto ciò che da esso proviene, come formaggi, panna, burro e yogurt, sono banditi. Esistono però i prodotti sostitutivi vegani dei latticini, che sono un’ottima alternativa basata solo su ingredienti di origine vegetale e che ormai si trovano con facilità in commercio, ma che in alcuni casi si possono anche fare in casa. Vediamo quali sono.

 

Sostitutivi vegani dei latticini: tipologie

 

Tutto ha origine dal latte. Se non può essere di mucca, capra o pecora (le tipologie più comuni), allora avrà un’origine vegetale. Il latte indicato per i vegani è quello di soia (il più noto). Rispetto al latte vaccino tradizionale, il latte di soia ha all’incirca la stessa quantità di proteine, mentre è inferiore quella di grassi saturi, ma anche di vitamine e di sali minerali (come il calcio). Esistono inoltre il latte di mandorla, di avena, di riso, di cereali (di cui ci sono diversi tipi, da quello di quinoa al latte ai cereali misti) e di cocco. Oltre a essere utilizzati da soli, freddi o caldi, sono indicati per diversi tipi di preparazioni, come torte, dessert, salse e condimenti. Inoltre sono coinvolti nel processo di produzione di molti altri alimenti.

In particolare, esistono diversi prodotti sostitutivi vegani dei latticini. Iniziamo dai formaggi. Quelli vegani si basano su latte di soia, noci, tapioca o cereali e possono essere acquistati o realizzati a casa. Sostituiscono mozzarella, parmigiano, ricotta, creme spalmabili e tanti altri tipi di formaggio variamente aromatizzati.

Per quanto riguarda la panna, si trova facilmente in commercio quella di derivazione vegetale, che ha come ingrediente principale il latte di soia (ma anche di riso, di avena oppure di cocco per la panna da montare o per dolci), mentre il burro si rimpiazza con la margarina di origine vegetale. In molte ricette conviene semplicemente optare per l’olio d’oliva al posto della margarina.

Anche per lo yogurt si trovano sugli scaffali dei supermercati prodotti sostitutivi a base di soia o di riso, al naturale e alla frutta. Con una yogurtiera è semplice ed economico produrre a casa propria lo yogurt. Basta partire da un vasetto di yogurt di soia e aggiungere la stessa tipologia di latte ed eventuali altri ingredienti se lo si preferisce aromatizzato.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votarlo

Votanti - Media Voti

Condividi:

Commenta l'articolo:

  Iscriviti per ricevere le notifiche  
Notificami